I Velvet Underground sono stati un gruppo rock statunitense formatosi nel 1964 e attivo fino al 1973. Lou Reed e John Cale, giovane musicista d’avanguardia ed allievo di La Monte Young. Nel 2004 la rivista musicale Rolling Stone li ha inseriti al numero 19 nella new Age – The Velvet Underground – Live At Max’s Kansas City lista dei 100 migliori artisti di tutti i tempi. Reed per la Pickwick, il singolo The Ostrich.

La definitiva scelta del nome, The Velvet Underground, venne ispirata dal titolo dell’omonimo libro scritto dal giornalista Michael Leigh e pubblicato nel settembre del 1963. Il 15 dicembre del 1965 il gruppo si esibisce, per la prima volta come headliner, al Café Bizarre, un locale del Greenwich Village di New York. L’incontro con l’artista, genio della Pop art, cambiò repentinamente le sorti della band che si trovò di colpo a passare dai bassifondi newyorkesi agli ambienti creativi della sua Factory. La reputazione artistica di Warhol aiutò molto la band a farsi un nome nel circuito underground newyorkese.

America come compagna del chitarrista dei Rolling Stones, Brian Jones. Tornati alla formazione classica, i Velvet con Nico, debuttarono nel febbraio del 1966, esibendosi al Cinematheque per poi partire, qualche giorno dopo, con tutti gli altri artisti dello show multimediale di Warhol, per una lunga tournée che giunse fino alla costa ovest degli Stati Uniti. Lo spettacolo, intitolato prima Andy Warhol Up-Tight e poi Exploding Plastic Inevitable, univa musica, danza e proiezioni dei cortometraggi dello stesso Warhol sonorizzati con l’accompagnamento musicale dei Velvet. Il passaggio dal palco agli studi di registrazione fu automatico: Warhol procurò alla band un contratto discografico con la Verve Records, sussidiaria della MGM, per la realizzazione del loro disco d’esordio, dando carta bianca al gruppo nella ricerca del proprio sound e delle loro sperimentazioni sonore.

Nico, album di debutto della band, venne registrato negli Scepter Studios di New York durante l’aprile del 1966 e pubblicato dalla Verve Records nel marzo del 1967. Nico: Femme Fatale, I’ll Be Your Mirror e la preferita di Warhol All Tomorrow’s Parties. Chi rimuoveva la buccia di banana adesiva, vi trovava sotto un’allusiva banana di colore rosa. L’album venne pubblicato il 12 marzo 1967, e raggiunse la posizione numero 171 della classifica di Billboard.